Come si palleggia a basket?

Per muoversi in campo con la palla in mano nel basket è obbligatorio palleggiare. Il regolamente, infatti, prevede che il giocatore possa fare al massimo due passi da quando interrompe il palleggio o riceve la palla. Sviluppare una buona tecnica di palleggio è fondamentale per muoversi più liberamente su un campo da basket e non basta far rimbalzare la palla per terra, ma bisogna avere la capacità di coordinare tutti i movimenti del corpo per trarre il massimo vantaggio sugli avversari quando si ha la palla in mano.

Per palleggiare bene servono sensibilità della mano per controllare la palla, rapidità nei movimenti del polso e dell’avambraccio ed equilibrio. L’obiettivo di tutti gli esercizi di palleggio dovrebbe essere quello di ottenere un buon controllo palla per potersi muovere più agilmente senza dover guardare il pallone, per concentrarsi su quello che succede in campo.

Posizione della mano nel palleggio

Rodney Stuckey dei Detroit Pistons in palleggio, osservate la posizione della mano, che gli consente un buon controllo della palla pure senza guardarla

Partiamo dalla mano. Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, il palleggio non va effettuato col palmo della mano, ma con la punta delle dita. Questo permette di “sentire” meglio il pallone e col tempo permetterà di non guardarlo più in fase di palleggio, inoltre, la maggior sensibilità permette di indirizzare meglio il pallone e di fare movimenti più rapidi e decisi, consentendo al giocatore di correre più velocemente e di cambiare direzione, capacità molto utile per battere il proprio marcatore.

Prestate attenzione anche e tenere la mano sopra il pallone, oltre a non rischiare di perdere la palla, questo vi farà evitare un’infrazione di doppio palleggio, che viene spesso fischiata dagli arbitri nel caso in cui ritengano che il giocatore abbia interrotto il palleggio toccando la parte inferiore della palla.

Steve Nash Suns

Steve Nash in palleggio, si noti come la palla sia all’altezza del fianco

Per palleggiare non occorre una gran forza, ma servono comunque movimenti decisi del polso e dell’avambraccio, per far percorrere al pallone il tragitto tra la mano del giocatore e il pavimento nel minor tempo possibile, in modo che i difensori avranno meno opportunità per intercettarlo. Per migliorare la vostra posizione, piegate le ginocchia e chinate il busto leggermente in avanti, mantenendo le gambe leggermente divaricate per avere un miglior equilibrio e cambiare direzione più facilmente. Idealmente il vostro palleggio dovrebbe andare dal pavimento fino all’altezza del vostro fianco, in modo che il difensore debba sbilanciarsi nel tentativo di rubare palla, facendolo, il più delle volte, desistere da questo intento.

Cos’altro aggiungere? Un incoraggiamento: allenatevi, allenatevi, allenatevi, soprattutto quando ogni movimento vi sembrerà innaturale. La pratica costante è ciò che vi permetterà di primeggiare in questa tecnica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 4 =