Il fallo tecnico

Il fallo tecnico sanziona quei comportamenti di giocatori e personale in panchina che vanno contro lo spirito di sportività, fair play e correttezza che dovrebbe caratterizzare tutte le partite (non dimentichiamoci che stiamo sempre parlando di un gioco, l’intensità conta, ma vediamo di mantenere la calma).

In particolare il regolamento federale prescrive che le squadre offrano “piena e leale collaborazione” ad arbitri e ufficiali di campo, ma capita spesso che l’agonismo faccia sfuggire la partita dalle mani.

 

In quali situazioni un giocatore commette un fallo tecnico?

Segnale fallo tecnico

Segnale arbitrale che indica il fallo tecnico, nel riquadro il segnale di blocco del cronometro che accompagna questa indicazione

Il fallo tecnico si caratterizza per il fatto di essere di natura comportamentale e non riguarda necessariamente delle azioni di gioco.

Il regolamento elenca alcune infrazioni che portano al fallo tecnico:

  • ignorare i richiami effettuati dagli arbitri;
  • entrare a contatto in modo irrispettoso con gli arbitri, con il commissario, con gli ufficiali di campo o con il personale sulla panchina della squadra;
  • rivolgersi in modo irrispettoso agli arbitri, al commissario, agli ufficiali di campo o agli avversari;
  • usare un linguaggio o gesti tali da offendere o provocare gli spettatori;
  • innervosire un avversario o ostruirne il campo visivo agitandogli le mani davanti agli occhi;
  • agitare eccessivamente i gomiti;
  • ritardare il gioco toccando deliberatamente la palla dopo che la stessa è passata attraverso il canestro;
  • ritardare il gioco non permettendo di effettuare prontamente una rimessa in gioco;
  • cadere a terra per simulare un fallo (il cosiddetto floppying);
  • aggrapparsi all’anello del canestro in modo tale che il peso del giocatore sia sostenuto dall’attrezzo, a meno che il giocatore non lo faccia momentaneamente dopo una schiacciata o, a giudizio dell’arbitro, stia cercando di evitare un infortunio a se stesso o a un altro giocatore;
  • commettere (da parte di un difensore) un’interferenza sul tentativo di realizzazione durante l’ultimo o unico tiro libero. Deve essere assegnato 1 punto alla squadra in attacco, seguito dalla sanzione per il fallo tecnico addebitato al difensore.

 

Come viene sanzionato il fallo tecnico

Tiro libero fallo tecnico

Tiro libero per fallo tecnico effettuato da Chaucey Billups, senza giocatori a rimbalzo, in quanto la palla non può diventare viva

Il fallo tecnico viene punito con un tiro libero e il possesso palla a metà campo per la squadra avversaria. I falli tecnici contanto sul monte falli di ogni giocatore (con relativa espulsione al quinto fallo cumulativo), ma comportano anche l’espulsione del giocatore nel caso commetta due falli tecnici indipendentemente dal totale dei falli commessi. I falli tecnici dei giocatori, inoltre, valgono anche per il raggiungimento del bonus di squadra.

 

Un fallo tecnico può essere attribuito anche per situazioni non di gioco

Esistono alcune situazioni che comportano la sanzione di un fallo tecnico ma che non sono legate necessariamente a una situazione di gioco attivo, ad esempio quando una squadra chiama time out pur avendo esaurito quelli a sua disposizione. In tal caso viene assegnato un fallo tecnico alla squadra, segnato a referto come “B” (da bench, panchina in inglese). Questa categoria di falli tecnici si applica anche a tutte le situazioni in cui il comportamento dei giocatori in panchina o espulsi, dell’allenatore e dei suoi assitenti e del personale al seguito della squadra senza che venga assegnato un fallo tecnico a qualcuno in particolare. L’allenatore può ricevere dei falli tecnici per il proprio comportamento, i quali vengono segnati a referto con la lettera “C” (da Coach, allenatore in inglese). L’allenatore è responsabile per il comportamento della panchina e verrà espulso, oltre che per aver raggiunto i due falli tecnici personali” anche per aver raggiunto la quota di tre falli tecnici “B” o due falli tecnici “B” più un “C”. I falli tecnici dei giocatori e del personale in panchina non valgono ai fini del raggiungimento del bonus falli di squadra.

 

Il fallo tecnico nella NBA

Nella NBA si aggiungono alcuni casi in cui i comportamenti in campo vengono sanzionati con un fallo tecnico. Il regolamento ufficiale della NBA (anche in formato, video! Sempre un passo avanti questi americani) specifica meglio alcune situazioni, in particolare sul ritardo del gioco (con punizioni previste anche sulle rimesse negli ultimi due minuti del quarto periodo) e sul numero di giocatori in campo.

La differenza principale risiede però nelle multe, che la lega americana impone ai giocatori per i loro comportamenti scorretti: i primi cinque falli tecnici comportano una multa di 2.000 $, che diventano 3.000 $ per i falli successivi cinque (con lettera di avvertimento al decimo) e 4.000 $ per i falli fino al 15°. Dal sedicesimo fallo il giocatore viene punito con 5.000 $ di multa e una gara di sospensione senza stipendio. Da qui in poi ogni fallo tecnico sarà punito con 5.000 $ di multa e ogni due falli tecnici scatterà una gara di sospensione senza stipendio. A tutto questo vanno aggiunti 2.000 $ di multa per ogni espulsione. Mica male, eh?

Coi playoff la situazione si azzera e si ricomincia dalle multe di 2.000 $ per i primi due falli, si sale a 3.000 $ per i due successivi e a 4.000 $ per il quinto e sesto fallo tecnico. Dal settimo fallo la multa passa a 5.000 $ a cui si aggiungono la sospensione senza paga e da questo punto i poi il meccanismo è lo stesso della regular season per i falli dal sedicesimo tecnico in poi.

In alcuni casi particolarmente gravi il Commissioner della lega può comminare delle ammende ulteriori fino a 50.000 $.

 

Record di falli tecnici

Rasheed Wallace, foto di Keith Allison, CC BY-SA 2.0

Rasheed Wallace, foto di Keith Allison, CC BY-SA 2.0

Non esistono molte statistiche ufficiali sui falli tecnici, ma nella storia NBA un giocatore si è distinto in questa “specialità”: Rasheed Wallace. Il centro che ha vinto il titolo NBA coi Detroit Pistons nel 2003-04, famoso per il suo carattere fumantino. Sheed, come viene affettuosamente chiamato dai suoi colleghi della lega, detiene il record per i falli tecnici in carriera (317 su 1109 partite giocate) di cui ben 41 in un’unica stagione (su 80 partite giocate tra regular season e playoff). Anche in seguito alle sue performance le regole sono state cambiate in modo da evitare il ripetersi di situazioni simili.

Ma la sospensione più famosa è probabilmente quella di Ron Artest, altro giocatore dal carattere decisamente estroso (ha anche cambiato ufficialmente il suo nome in Metta World Peace). Dopo la partita tra Detroit Pistons e Indiana Pacers del 19 novembre 2004, in cui scoppio quella che è passata alla storia come una delle più grandi risse della NBA, Artest è stato sospeso per il resto della stagione (73 partite di regular season e 13 di playoff giocate dai Pacers) con una perdita totale di 4.995.000 $ tra multe e mancato pagamento dello stipendio. In totale le partite di sospensione per quell’episodio furono 146, di cui 137 a carico dei Pacers, con 11 milioni di dollari di mancati giadagni per loro.

 

Conclusioni

Come potete vedere esistono diverse possibilità per commettere un fallo tecnico. Il regolamento è piuttosto duro per evitare situazioni di tensione, ma soprattutto per evitare scorrettezze palesi. La punizione delle simulazioni è, ad esempio, un orientamento relativamente recente ma necessario: immaginate le situazioni in cui un avversario si butta a terra fingendo di esser stato duramente colpito, che è cosa ben diversa dalla capacità di un giocatore di creare il contatto e subire un fallo vero.

Al di là delle situazioni delegate all’interpretazione degli arbitri e pertanto molto influenzate dal loro personale metro di giudizio, il fallo tecnico è una regola fondamentale e se vogliamo “di buon senso”. In fondo stiamo parlando di un gioco, si tratta di sport, anche se la competitività è una componente fondamentale, sul campo è sempre bene mantenere la calma e prendere di mira soltanto il canestro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − 5 =